A password will be e-mailed to you.

OCTOBER 5 – NOVEMBER 3: RAMADAN
The month of Ramadan is the ninth of the islamic calendar. It is a month of charity, the believer must shares his property with who have necessity. It is a month of purification, full of graces, and in one of its last odd nights, called “Lailatu l-Qadr”
(= Night of the Destiny), the doors of the heaven are open.
The fast is the base of the worship, it is obligatory for all Muslim except: under age, old person, insane of mind, chronic ills, travellers, the women in pregnancy, women in suckling, in menses, in puerperium. The fast goes from first lights of the dawn to the sunset, preceded from a light meal before the dawn, called “suhur”. The Ramadan commands also the abstention from every sexual contact and bad thoughts or actions for all day until the sunset. Is prohibited to quarrel, to lie and to slander.
As the lunar months have 29 and 30 days, the lunar year have 354 days, so loses 11 days from the solar year, the law decides that to declare started the month of Ramadan is not enough the calculation, but would must be present eye-witness that proclaims in front to a “qàdi” to have seen the Moon.
The fast is not valid if is not preceded from the“niyyah” (= intention). After the pronounce of the“niyyah”, the fast begins. The sunset closes the fast and the abstention is interrupted eating dates or drinking water. The interruption “iftar” is preceded from a short prayer. After the ritual prayer of the night is usual make a special nocturn prayer rather long.
The unintentional interruption of the fast don’t involves any sanction, on condition that be take again in short time after have take conscience of such interruption. For the intentional interruption is necessary remedy with the donation of a meal to some needy muslims, or to give the equivalent in money, or is necessary to fast for 60 days. The rise of the New Moon of the “Shawwal” month, the month of Ramadan ends and with it ceases the abstention and begins “’Id al-Fitr”, the feast of the breakage.

BESOS!
Katya

— Italian version —-

5 OTTOBRE –3 NOVEMBRE: RAMADAN
Il mese di Ramadan è il nono del calendario islamico è un mese di carità, durante il quale il credente deve dividere i suoi beni con coloro che ne hanno bisogno. Si tratta di un mese di purificazione, ricco di grazie, e durante il quale, in una delle sue ultime notti dispari, detta “Lailatu l-Qadr” (= Notte del Destino), le porte del cielo sono aperte.
Il digiuno, durante il sacro mese di Ramadan, è l’atto basilare di culto, obbligatorio per tutti i musulmani tranne per i minorenni, i vecchi, i malati di mente, i malati cronici, i viaggiatori, le donne in stato di gravidanza, donne che allattano, mestruate, in puerperio.
Il digiuno dura dalle prime luci dell’alba fino al tramonto; preceduto da un pasto leggero poco prima dell’alba, detto “suhur”. Il Ramadan ordina anche l’astensione da qualsiasi contatto sessuale e cattivi pensieri o azioni, durante l’intera giornata fino al tramonto. E’ proibito litigare, mentire, calunniare. In considerazione del fatto che i mesi lunari hanno 29 e 30 giorni, l’anno lunare è di 354 giorni quindi indietro di undici giorni rispetto a quello solare, la legge stabilisce che per dichiarare iniziato il mese del Ramadan non basta il solo calcolo, ma dovrebbero esserci testimoni oculari che dichiarino avanti a un “qàdi” di aver visto la Luna. Il digiuno non è valido se non è preceduto dalla “niyyah” (= intenzione). Dopo la pronuncia della “niyyah”, si incomincia a digiunare. Il tramonto del sole pone fine al digiuno e l’astinenza viene interrotta mangiando datteri o bevendo acqua. L’interruzione “iftar” viene preceduta da una breve preghiera. Dopo la preghiera rituale della sera si usa fare una speciale preghiera notturna piuttosto lunga.
La rottura involontaria del digiuno non comporta nessuna sanzione, purché si riprenda subito dopo aver preso coscienza di tale rottura. In caso di interruzione consapevole, bisogna rimediare con l’offerta di un pasto a un certo numero di musulmani bisognosi, oppure dare l’equivalente in denaro; oppure è necessario digiunare per sessanta giorni.
Con il sorgere della Luna Nuova del mese di “Shawwal” ha termine il mese di Ramadan e con esso finisce l’astinenza ed inizia “’Id al-Fitr”, la festa della rottura.

BESOS!
Katya